Regione Toscana

Aspettando la battaglia

Pubblicato il 4 luglio 2019 • Associazioni , Cultura , Territorio

Anche quest’anno la città di Cascina in provincia di Pisa sarà teatro, nei giorni 5 - 6 - 7 luglio 2019, della 16esima edizione della rievocazione storica “Aspettando La Battaglia”, organizzata dal Comitato Cascina A.D. 1364, con la collaborazione ed il contributo dell’Amministrazione comunale cascinese e il patrocinio della Regione Toscana. La manifestazione, inserita all’interno dell’elenco delle rievocazioni storiche riconosciute dalla Regione Toscana, riporta per tre giorni il medioevo a Cascina. Il corso sarà animato da mercati, artisti, spettacoli, figuranti e rievocatori da tutta Italia ed Europa: giullari e menestrelli, danze medievali e danza del ventre, spettacoli col fuoco, il torneo di tiro con l’arco, l’esibizione degli sbandieratori di Lucca e Firenze e la presenza dei banchi didattici e artigiani che con la loro accuratezza storica faranno immergere tutto il centro in un’atmosfera di fine Trecento.

Una delle novità di questa edizione sarà il cambio di scenario per il torneo di combattimento medievale ad impatto pieno, che quest’anno si svolgerà in piazza della Chiesa. Tra le novità si aggiunge anche l’ampliamento dell’area della manifestazione che porterà i visitatori a percorrere via Mentana e visitare la torre Vito Pizzo e la torre dell’orologio, allestite con scenografie medievali e una mostra fotografica su “Aspettando la battaglia”, a cura di Tatiana Di Sacco e Rolando Mannucci.

Tra le nuove attrazioni di questa edizione: presso i giardini pubblici di fronte all’anagrafe il pubblico troverà l’accampamento militare, visitabile e corredato da un’esposizione di rapaci; sul corso verrà allestito, in collaborazione con la cooperativa sociale Agape, un orto officinale didattico.

Anche quest’anno, visto il successo della precedente esperienza, il Comitato Cascina Ad 1364 collabora con l’istituto d’arte di Cascina. Gli studenti della scuola realizzeranno degli elaborati artistici sul tema di Michelangelo Buonarroti e il suo famoso cartone della battaglia di Cascina. Le opere saranno esposte nel palazzo della vecchia Pretura al piano terra. Le mostra sarà aperta gratuitamente a tutti i visitatori.

«Come ogni anno il Comitato gode della sponsorizzazione di molte aziende e piccole imprese del territorio e del centro storico cascinese, che hanno riconosciuto il valore della nostra manifestazione -spiega Paolo Conti del Comitato Cascina Ad 1364- e si sono impegnate per sostenerci. Ringraziamo inoltre, l’Amministrazione comunale, che ha contribuito alla realizzazione di questo evento. La rievocazione storica, giunta ormai al 16esimo anno, è un appuntamento consolidato, ma sempre in evoluzione, che attira a Cascina in due giorni, migliaia di visitatori e che si avvale ogni volta dell’indispensabile contributo della cittadinanza, che si presta come parte attiva per far vivere questo evento, ormai parte integrante del calendario di ogni estate cascinese. L'occasione ideale per trascorrere una giornata in famiglia o con gli amici, in modo diverso dal solito, godendo dell’atmosfera surreale che avvolge il nostro centro storico per quei giorni».

«L'Amministrazione comunale è da sempre impegnata a valorizzare le tradizioni storico artistiche della città – dice Dario Rollo, sindaco facente funzioni di Cascina- e Aspettando la battaglia è una manifestazione mai uguale a sè stessa, perchè grazie alla passione e alla continua ricerca degli organizzatori riesce a stupire e meravigliare ogni anno sempre di più. L'impegno è riconoscere in questa manifestazione un momento di aggregazione, di comunità, di tradizione di identità storica».

«Voglio sottolineare l'importante novità dell'utilizzo a nuovi spazi pubblici delle torri civiche di Cascina – dice Leonardo Cosentini, assessore alla cultura e al tursimo di Cascina- che l'Amminisrazione comunale ha recuperato grazie anche ad un protocollo con le associzioni del territorio: la torre dell'orologio, la torre Vito Pizzo e la torre di piazza Gramsci infatti, saranno visitabili durante i giorni della battaglia».

«La battaglia è da sempre una manifestazione che contribuisce a mantenere viva e a valorizzare Cascina – dice Patrizia Favale, assessore alle attività produttive e al commercio- e che attrae tante persone anche da fuori città, con anche i negozianti che saranno partecipi di questa grande festa nel corso e nelle strade del centro storico».

«Come Fondazione Sipario Toscana – dice la presidente Antonia Ammirati – quest'anno gestiamo il cartellone di eventi “E...state a Cascina” e ho visto una grande partecipazione di pubblico. Ora ci prepariamo ad Aspettando la battaglia, una manifestazione che ci permette di riscoprire vicoli e torri storiche della città. I miei complimenti al Comitato per il lavoro che sta portando avanti e sarà veramente bellissimo per tutti partecipare alla Battaglia di Cascina».

Per consentire lo sviolgimento della manifestazione, il Comune ha predisposto alcune modifiche alla viabilità che entreranno in vigore nei prossimi giorni. Eccole di seguito.

Divieto di sosta e chiusura al traffico dalle ore 16 di venerdì 5 luglio alle ore 12 di lunedì 8 luglio in: via Palestro (intero tratto sino all’ingresso di piazza della Chiesa), via Curiel e via Roma (tratti compresi tra corso Matteotti e via Garibaldi), via Mentana, via Curtatone (tratto compreso tra via Mentana e via Palestro), via Genovesi, via Palmieri, via Pelosini (tratti compresi tra il corso Matteotti e piazza Gramsci- via Lungo le mura) e in piazza della Chiesa (porzione sud).

Divieto di circolazione dalle ore 16 di venerdì 5 luglio alle ore 12 di lunedì 8 luglio in corso Matteotti e in via Lungo le mura (tratto compreso tra via Curiel e via Mentana).

Divieto di sosta dalle ore 15 di venerdi 5 luglio alle ore 12 di lunedì 8 luglio su viale Comaschi (tratto compreso tra fabbricato degli uffici comunali e il fabbricato della biblioteca comunale fino all’intersezione con il corso Matteotti).

Locandina battaglia 2019

Allegato 375.00 KB formato jpg
Scarica